Luigi Pizzolo

Alfredo_Reichlin1

Ripartire da Reichlin

C’era preoccupazione ed amarezza nell’ultimo articolo scritto da Alfredo Reichlin il 13 marzo 2017, sette giorni prima che ci lasciasse. Avvertiva già il rischio di Weimar e di una sinistra sotto le macerie. La sua analisi, le sue intuizioni non erano il frutto di capacità metafisiche, non aveva il dono della preveggenza: erano la conseguenza…

diffusori_lunita1

Sinistra leggi e non avere paura

E’ domenica mattina, la prima domenica di luglio, e finalmente decidi che un po’ di sole e di mare male non ti farebbero. Però il mare fa veramente schifo, e ti chiedi se i criteri con cui vengono assegnate le “Bandiere Blu” siano davvero trasparenti, e il vento ti impedisce una lettura rilassata dei quotidiani.…

Dattorre_Speranza11

Colpa d’Alfredo

Ho letto con molta attenzione ed interesse l’ultimo numero della rivista “Italianieuropei” (a proposito, vi invito ad acquistarlo e non solo perché c’è un mio articolo). Due sono gli interventi che qui intendo riprendere, quelli di Alfredo D’Attorre e di Roberto Speranza. Entrambi mi hanno colpito, oltre che interessato. Ma soprattutto mi hanno preoccupato. L’analisi…

DiMaio_Conte1

Non ci resta che piangere

Un Presidente del Consiglio che rivendica il suo populismo, senza sapere in realtà di cosa sta parlando; che dimentica, o forse proprio non sa, il nome e l’effettivo grado di parentela (lo ha definito “congiunto”, definizione giuridicamente tanto larga e onnicomprensiva che comunque qualcosa ci chiappava) di Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia, con l’attuale Presidente…

Calenda_Gentiloni1

Caro Peppino, caro babbo, parliamone

E’ noto, perché più volte pubblicamente manifestato, il mio “debole” politico ed intellettuale nei confronti di Peppino Caldarola. Lo considero, oltre che un eccellente giornalista, uno degli intellettuali più raffinati della sinistra, con un pregio rispetto a molti altri: quando parla o scrive è estremamente chiaro. Uno di quelli, per intenderci, che non le manda…

Assemblea_LeU_Roma1

Poche idee ma confuse

Dopo 83 giorni di assordante silenzio, Liberi e Uguali ha finalmente convocato la propria Assemblea Nazionale, il 26 maggio scorso a Roma, per assumere finalmente decisioni concrete e indifferibili sul proprio futuro. Un milione e centomila cittadini hanno ritenuto alle scorse elezioni di darci fiducia e, per quanto pochi (pochissimi, forse), meritano comunque rispetto e…

Infortuni_Lavoro1

La classe operaria (muore e) va in paradiso

Fu proprio un grave infortunio sul luogo di lavoro a rendere cosciente l’operaio Lulù, uno straordinario Gian Maria Volontè, che le lotte sindacali per migliorare le condizioni di sicurezza sul lavoro non erano frutto di un pregiudizio ideologico nei confronti del datore di lavoro, che lo indicava come esempio agli altri operai facendone una sorta…

DelegazionePd_Consultazioni

Satira successiva

Non è vero che la sinistra è in impasse. Sembra. In realtà, metabolizzato il mazziatone elettorale, è tutto un pullulare di strategie e aspiranti leader. L’Argine è in grado di anticipare gruppi, correnti e candidati. Il Giglio Magico. A differenza di una narrazione pregiudizialmente antirenziana, la possibilità di accedere a questo ristretto ed esclusivo gruppo…

DiMaio_Mattarella

Io vorrei, non vorrei

“Dio è morto, Marx è morto e io non mi sento tanto bene”. Chi meglio di Woody Allen può sintetizzare lo smarrimento a sinistra dopo il mazziatone elettorale del 4 marzo scorso? Siamo entrati nel vivo delle consultazioni del Presidente della Repubblica, ma più che ad un passaggio istituzionale importante e delicato sembra di assistere…

Bene_Amleto

Peppino e Guido. Maledetti, vi amerò

Peppino Caldarola e Guido Companga, accidenti a voi! Avere a che fare con persone acute, intelligenti, le cui considerazioni e analisi mai sono banali, a volte può creare e crearti qualche problema. Il primo con un articolo su Lettera43 (Leu diventa partito? Dio ce ne scampi e liberi), il secondo proprio qui su l’Argine (Caldarola,…

Eugeio_Scalfari

‘O zappatore

Un genere musicale quasi destinato all’oblìo ma in voga sino a non moltissimi anni fa, è la cosiddetta “sceneggiata napoletana”. Uno dei brani più famosi di questo genere è “ ‘O zappatore”. Si narra di un figliolo ingrato che, incurante degli enormi sacrifici che il babbo contadino ha affrontato per regalargli un futuro migliore del…

Soleamezzanotte1

Il sole a mezzanotte

In quella che somiglia moltissimo ad una seduta collettiva di autoanalisi, a sinistra, soprattutto dalle parti di quel che resta di LeU e poco o nulla ancora nel PD, ci si interroga sulle cause di un risultato elettorale disastroso. Alcune colgono parzialmente nel segno, ma non lo spiegano compiutamente e convincentemente. Altre le trovo non…